Conferenza Apple 23 Ottobre: two is megli che one

Per un geek/nerd che si rispetti il Natale cade almeno tre volte all’anno: all’E3, a Natale e durante le conferenze Apple. In particolare queste ultime sembrano ridestare quei sensi e quelle emozioni che il maschio geek generalmente tiene celate anche davanti a Belen nuda che si contorce vogliosa sul divano incitandolo a provare con lei ogni categoria pornografica esistente.

Da queste conference il geek si aspetta che gli vengano presentati chissà quali mirabolanti invenzioni del futuro: un teletrasporto, una macchina del tempo, l’intelligenza artificiale!

La realtà è molto spesso più deludente, ma il geek si accontenta sempre. Potrebbe anche entrare Tim Cook con due elastici e un bottone e per il geek sarebbe già una festa, una rivoluzione.

Fortunatamente la conferenza di ieri è stata qualcosa di più di due elastici e un bottone e quindi lascio a voi immaginare quale sia stata la reazione di questi figuri. Ah, ieri non ha nevicato…

Come ogni conferenza Apple che si rispetti anche quella di ieri si è aperta con un buon quarto d’ora di autoerotismo statistico fine a sè stesso seguito finalmente da una serie più o meno corposa di annunci abbastanza succulenti.

Si comincia con il nuovo MacBook da 13”.

IMG_0265

Bellissimo per carità, ma per 1600 dollari anche no. Se poi però si pensa che il MacBook da 15” costa 500 carte in più, magari un pensierino lo si può anche fare. Ma anche no.

Si continua con il Mac Mini (detto anche insulsa scatoletta bianca), per poi passare all’iMac. Un PC fino come un capello che se lo metti di profilo sparisce. Durante l’annuncio molti in sala svengono. Credevano che Apple avesse inventato l’invisibilità. E invece no.

Ma finalmente si passa alle cose serie. Tim Cook entra e con solennità pronuncia queste parole: “Now, let’s talk about iPad…” . Frenesia a mille in attesa del mega annuncio “…we have sold 100 million iPads, iPad is the best…” Suvvia! Meno pippe e più fatti Cook! E invece no. Passa un quarto d’ora e finalmente accade il miracolo. Un tizio coi capelli brizzolati annuncia quello che tutti stavano aspettando! Un nuovo, bellissimo,… iPad di quarta generazione???!

iPadimage2MacLife-580-75

Milioni di possessori di The New iPad si suicideranno pochi minuti dopo. Fortunatamente per loro, iPad 4 (si riprende con la numerazione standard) è un New iPad con un processore un filino più potente. In realtà lanciare l’iPad 4 è servito a una sola cosa:

Cioè, qui mica si scherza! Un tizio qualsiasi sarebbe passato a un’altra diapositiva, avrebbe annunciato l’annunciabile e poi stop, finito. Apple invece fa una magia che neanche David Copperfield se la sogna. Mentre tutti i presenti in sala fissano lo schermo e giocano al gioco delle differenze confrontando iPad 4g e The New iPad ecco che, puff!, l’iPad sullo schermo ruota su sè stesso e appare l’iPad Mini!

Uno dalla platea si alza e grida: “Stregoneriaaaa!” e fugge. Altri svengono pensando che Apple abbia inventato la magia. E invece no. In realtà Apple ha copiato:

Machete-Kills-021

Passata questa prima fase di tumulto, la sala inizia a scalpitare, ad applaudire, a fare gridolini. Cioè, neanche Jessica Alba in topless avrebbe fatto lo stesso effetto.

E quindi eccolo qui, nasce il nuovo pargolo di casa Apple: l’iPad Mini.

20226-ipad-miniCos’ha di nuovo? Beh, niente. E’ solo la femmina dell’iPad 2 cioè un iPad 2 più piccolo e con un buco per la corrente diverso (ovviamente). Il prezzo è leggermente più basso di un normale iPad, ma costa un fottio uguale (329 euro) soprattutto se confrontato con l’iPad 2, che sarà ancora in vendita a 379 euro. Ma ehi, c’è sempre qualcuno a cui piace piccolo. Apple come al solito ci farà millemila miliardi.

E con questa massima termina il riassunto della conference di ieri. Che ne pensate? Soddisfatti, delusi, arrapati, mestruati? Fateci sapere.

Annunci

Informazioni su letal32

Ama la tecnologia e gli accrocchi più inutili del mondo. Ama trastullarsi tutto il giorno con stupidi giochini elettronici, meglio conosciuti come videogames. Un misto fra nerd e geek: in breve il tipico sfigato.

Pubblicato il ottobre 24, 2012, in Apple con tag , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: