Keynote Apple: commento

Come tutti sapete, ieri si è tenuto il tanto attesso keynote Apple, durante il quale è stato presentato il nuovo iPhone, che non è in realtà un nuovo iPhone, ma solo un iPhone 4 con una S davanti.

Ma andiamo con ordine. Possiamo dividere la conferenza in cinque parti fondamentali:

1- Parte Gne gne gne io vendo più di te

La prima parte occupa venti minuti buoni della conferenza e vede inpegnato il buon Tim Cook a snocciolare dati di vendita sugli iPhone, sugli iPad, sugli iPod, qui qui qui quo quo quo qua qua qua, Apple penetra sempre più di qui e di là e via dicendo.

Insomma 20 minuti in cui Apple se la tira di fronte a giornalisti e investitori.

2- Letterine per tutti

Apple si improvvisa Babbo Natale e mostra la sua nuova innovativa app: Cards. Attraverso questa applicazione potrete inviare dei biglietti di auguri alla zia che odiate e alla suocera che volete morta. Apple le stampa e le spedisce e ci mette pure una bomba, il tutto alla modica cifra di 4,99 petroldollari. Qui forse abbiamo raggiunto il momento più basso di tutta la conference e infatti ci hanno messo 30 secondi a presentarla e poi per la vergogna hanno cambiato argomento.

3- Roba già vista alla WWDC 2011

In questa seconda parte un tizio di cui non ricordo il nome entra sul palco e ci spiega le 10 funzioni pricipali di iOS5. Peccato che tutta sta pappardella ci fosse già stata presentata un anno fa alla WWDC di San Francisco e ormai anche cani e porci sanno che nel nuovo sistema operativo ci saranno il Noification Center, Twitter e bla bla bla. L’unica novità è la data di uscita: 12 Ottobre. Quattro chiacchiere pure su iCloud e iTunes Match, ma giusto solo per allungare un pò il brodetto tiepidino.

4-Tagliamo qualche prezzo

E arriva la parte in cui Tim Cook prende una forbice gigantesca dalla punta arrotondata (sennò Giovanni Muciaccia si arrabbia) e taglia il prezzo dell’iPod Nano fatto a forma di quadrato, che ora costerà 139 euro in versione base e pure quello dell’iPod Touch che passa a 199 euri in versione uberpezzente.

5-Momento che in teoria doveva essere di genuino momento emozione (cit)

E arriva dopo lunghi minuti di estenuanti chiacchiere il tanto atteso annuncio. Il pubblico è chiaramente in visibilio. Un tipo tira fuori un cartellone con scritto “Welcome iPhone 5”. Tim Cook lo guarda, abbassa gli occhi, scuote la testa e sussurra: “Mi dispiace, ma oggi abbiamo solo l’iPhone 4S“. Gelo ovunque. Quando rialza la testa però dice: ” Ma non preoccupatevi, è il miglior telefono del mondo!”. Tutti si sentono un pò rincuorati, ma non appena appare questa immagine:

Alcuni osservano straniti, altri annusano, altri ancora si toccano le tasche e tirano fuori il loro iPhone 4. Osservano prima l’iPhone 4, poi il 4S, poi di nuovo il 4 e poi ancora il 4S. Nessuna differenza. 5 ictus cerebrali, 4 morti improvvise, 2 attacchi di diarrea fulminante: questo il numero delle vittime in sala. Ma Tim Cook ci dice a tutti “tranquilli, perchè ci ho messo il processore dell’iPad, una fotocamera bellissimissima, i video a 1080p e pure i giochini che neanche PS Vita!”. E per dimostarlo convoca sul palco un tizio di Epic che ci presenta quella puttanata di gioco di Infinity Blade 2 che però la grafica ci spacca di brutto. Tim fa per andarsene quando gli viene in mente l’ultima cosa e torna indietro “Ah! mi sono dimenticato che dentro all’iPhone 4esse c’è pure Siri“. E ci presenta la figata più assurda che la Apple potesse inventarsi: una funzionalità di controllo vocale avanzata che se voi dite “Dimmi il tempo a Pavia” lei ti risponde giusto e anche se le chiedi “Dimmi il tempo a Pavia che sennò ti ammazzo” lei ti risponde giusto lo stesso. Poi qualche grafico, grafichetto e grafichino, un video gne gne sono più bello io di tutti i telefoni e poi si fanno baracche e burattini e tutti al MacDonalds.

Commento finale: Steve ritornaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!!!!!!!!

Annunci

Informazioni su letal32

Ama la tecnologia e gli accrocchi più inutili del mondo. Ama trastullarsi tutto il giorno con stupidi giochini elettronici, meglio conosciuti come videogames. Un misto fra nerd e geek: in breve il tipico sfigato.

Pubblicato il ottobre 5, 2011, in Apple con tag , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: